News&Newsletter

News
Newsletter






PARTE LA NAVE DI INMARE FESTIVAL!

Dal 27 giugno al 5 Agosto 2018

TEATRO SOCIALE con AMP (Area marina Protetta di Portofino) e DISTAV (Università di Genova) presenta INMARE FESTIVAL – INMARE DAYS: Spettacolo, scienza e ambiente nel teatro fra mare e cielo. Edizione speciale dedicata a Folco Quilici. Tutti gli spettacoli del festival fanno parte della stagione in abbonamento 2018/19 del Teatro Sociale di Camogli.

Manifestazione realizzata con il sostegno della Compagnia di San Paolo nell’ambito dell’edizione 2018 del bando “Performing Arts", del Comune di Camogli e della Regione Liguria. L’iniziativa rientra nel calendario dell'Anno europeo del patrimonio culturale 2018

Il nostro patrimonio: dove il passato incontra il futuro”

Musica, teatro, danza, mostre, laboratori scientifici, escursioni tra costa e fondali, lauree in piazza e “nuotate in Paradiso”. Per avvicinarsi con curiosità e meraviglia al grande tema del rapporto tra l'uomo e il mare. Teatro: Antonio Ornano e Francesco Tomasinelli (29/06), Martina Folena (30/06), Arianna Scommegna nel Magnificat di Alda Merini, Michele LosiPleiadi Art Productions con Arianna e Teseo (prima assoluta, 26-27/07). DanzaHillel Kogan e Adi Boutrous con We Love Arabs (14/07), Perypezye Urbane con The Blue Hour (prima assoluta, 28/07). Musica: Stanford Wind Symphony (27/06), Trio Metamorphosi (01/07), Quartetto Sincronie (17-18-19/07), LaFiL Filarmonica di Milano (29/07) e Zoe Pia Quartet (31/07). Mostre: Arte e Tradizione popolare nel nuovo allestimento espositivo degli Ex-voto marinari raccolti nel Santuario di Nostra Signora del Boschetto, a 500 anni dall’apparizione della Vergine (inaugurazione 29/06). Il Festival si chiuderà con la storica Festa della Stella Maris (05/08).

La stagione 2018/2019 del Teatro Sociale di Camogli riprenderà il 19 ottobre con Sonia Bergamasco in African Novels (prima assoluta) melologo per voce e quartetto d'archi dedicato ai Nobel africani, e continuerà fino a maggio 2019. Con il coinvolgimento del Comune di Recco e la collaborazione di Fuori Luogo Teatro (La Spezia) sarà organizzata la rassegna internazionale Il Teatro come Sport. Nel programma, Fuori gioco di Lisa Nur Sultan, progetto di Emiliano Masala (30/03/19), Va dove ti porta il piede di Laura Kibel (24-25/04/19), Le nègre volant di Denis Chabroullet (04-07/04/19, La Partida di Vero Cendoya (27/04/19), Music on Cycles con i catalani LaDinamo (05/05/19).

Sarà dedicata a Folco Quilici questa edizione di InMare Festival – InMare Days, che si terrà da mercoledì 27 giugno a domenica 5 agosto a Camogli (GE), nelle sale del Teatro Sociale - lo splendido spazio ottocentesco affacciato sul Golfo Paradiso, restaurato nel 2016 – e in tutto il territorio, coinvolgendo la costa del promontorio di Portofino e l'area marina adiacente, i cui fondali, fra i più ricchi e pescosi del Mediterraneo, ospitano dal '54 il famoso Cristo degli Abissi. La manifestazione - organizzata con la direzione artistica di Maria De Barbieri, la direzione scientifica di Giorgio Fanciulli (AMP) e il contributo all’ideazione di Elisabetta Caviglia - è stata realizzata con il sostegno della Compagnia di San Paolo nell’ambito dell’edizione 2018 del bando “Performing Arts", della Regione Liguria e del Comune di Camogli, che ha voluto rendere omaggio al grande regista e ambientalista. Un modo per ricordare il suo profondo legame con la Liguria, dove ancora adolescente fece le prime immersioni, e l'impegno da vero pioniere per la conservazione dell'ambiente marino e la tutela delle sue risorse. Fu lui, infatti, a lanciare negli anni '70 la battaglia per l'istituzione delle Aree Marine Protette e a inaugurare nel 2013 - invitato da Elisabetta Caviglia e Giorgio Fanciulli, ideatori della manifestazione - la prima edizione di InMaRe Film Festival, la kermesse internazionale sul cinema dedicato alle riserve marine di cui InMareFestival – InMare Days continua lo spirito.

Il festival, che si avvale della collaborazione musicale di GOG – Giovine Orchestra GenoveseGPM – Gruppo di Promozione Musicale Golfo Paradiso, si apre mercoledì 27 giugno al Teatro Sociale con il concerto inaugurale, a ingresso gratuito, della californiana Stanford Wind Symphony e - mentre le Immersioni narrative di Martina Folena animano le vie e le piazze della città – prosegue con InMare Days, due giornate (29-30/06) in cui la scienza è protagonista assoluta: dalle Lezioni irriverenti. La mortificazione del maschio nel mondo animale di Antonio Ornano e Francesco Tomasinelli, 'strana coppia' formata da un comico e un biologo marino, alle Lauree in Piazza. In programma, laboratori didattici, escursioni via mare, visite guidate alla Tonnarella di Camogli appena ricostruita e al Museo della Pesca di Punta Chiappa, lo Show cooking a tema di Alessandro Dentone e, per appassionati e sportivi, la prima edizione di Io nuoto in Paradiso: 6 km a nuoto lungo la costa del Promontorio di Portofino, dalla spiaggia di San Fruttuoso a Camogli. 

Maschile in italiano, neutro in inglese e latino, femminile in greco, francese e tedesco, il mare contiene ogni archetipo e resta luogo di dramma, devozione e mistero. Questo ci racconta la preziosa collezione di ex voto marinari raccolta nel chiostro del Santuario di Nostra Signora del Boschetto, secondo la tradizione protettrice dei naviganti, apparsa il 2 luglio del 1518. Il nuovo allestimento espositivo curato da Farida Simonetti e realizzato in occasione di questo 500° anniversario, sarà inaugurato venerdì 29 giugno (ore 18). In questa cornice, Arianna Scommegna proporrà la sua appassionata interpretazione del Magnificat (domenica 8 luglio), il capolavoro mistico di Alda Merini dedicato a Maria, vergine e madre, serva del disegno di Dio ma anche protagonista attiva del mistero che la attraversa. Concerto in barca tra le luci del porticciolo per mercoledì 4 luglio, con le Note Di Vise di Stefano Quarantelli e Francesco Taliente. Mentre si torna al Teatro Sociale venerdì 6 luglio, con Dove cresce l’ulivo, un viaggio guidato da Silvio Ferrari tra le parole e le immagini di Predrag Matvejevic’ in “Breviario del Mediterraneo”, che racconta le radici storiche del nostro mare, la sua bellezza e le sue contraddizione. Conflitti che a volte possono ricomporsi alla luce dell’arte e dell’ironia, come accade in We Love Arabs di Hillel Kogan, ‘enfant terrible’ della danza israeliana, coreografo e protagonista insieme all'arabo Adi Boutrous di uno spettacolo che gli ultimi tragici eventi rendono più che mai attuale e necessario (sabato 14 luglio).  Da martedì 17 a giovedì 19 luglio, l’appuntamento con la musica è via mare, nel Chiostro dell’Abbazia di San Fruttuoso: protagoniste le note di Beethoven e Ravel, in tre concerti del giovanissimo Quartetto Sincronie presentati con la collaborazione di GOG Giovine Orchestra Genovese e FAI Fondo Ambiente Italiano, nell’ambito del progetto “Le dimore del Quartetto”. Venerdì 20 luglio appuntamento al Teatro Sociale, per il concerto del Trio Metamorphosi: Calma di mare e viaggio felice di Beethoven e Schumann. Itinerante fra terra e mare - lungo un percorso che dalle piazze di Camogli arriverà all’Abazia di San Fruttuoso, grazie all’ospitalità del FAI - è lo spettacolo site specific firmato da Michele Losi Pleiadi Art Productions. La compagnia nata tra Malta e Lampedusa a bordo di un veliero, torna al festival dopo il successo dello scorso anno con una nuova produzione dedicata al mito del Labirinto: Arianna e Teseo (prima, giovedì 26 e venerdì 27 luglio). Sabato 28 luglio Perypezye Urbane con i danzatori Giorgio Azzone e Elisa Sbaragli, si interroga sul rapporto tra uomo e natura in The Blue Hour (prima), un evento creato appositamente per il Teatro di Camogli, all’interno di un progetto di Giovanni Sabelli Fioretti e Giuseppe Esposito nato sul web con l'ideazione e l'utilizzo di DanceMe App, un'applicazione che permette a pubblico e danzatori di condividere online il processo creativo. Domenica 29 luglio, la musica torna in scena con Tempeste nel Romanticismo che presenta in concerto le prime parti delle prestigiose orchestre di Santa Cecilia, Teatro alla Scala e Rai di Torino. La natura magica e antica della Sardegna, vibra nelle note suggestive del Zoe Pia Quartet, in Shardana (martedì 31 luglio). InMare Festival – InMare Days chiude domenica 5 agosto con la grande Festa della Stella Maris, il titolo con cui i pescatori venerano la Madonna: dal porticciolo a Punta Chiappa, dove si trova l'altare, sfilerà un corteo di imbarcazioni in gran pavese fra centinaia di lumini galleggianti.

Le porte del Teatro Sociale di Camogli si riapriranno il 17 ottobre 2018 con Sonia Bergamasco in African Novels, musiche di Orazio Sciortino eseguite da NEXT- New Ensemble Xenia Turin, prima assoluta di un melologo per voce e quartetto d'archi in collaborazione con EstOvest Festival dedicato ai Nobel africani, da Camus a Soyinka, che sarà poi replicato al Museo Egizio di Torino. Si continua fino a maggio 2019 con un ricco e colorato caleidoscopio di proposte che, nella sua varietà, vuole rispondere all’esigenza di un equilibrio nuovo fra ‘colto’ e ‘popolare’. Nasce così un programma che offre al pubblico la possibilità di confrontarsi con i più innovativi linguaggi della scena e della musica. In questa direzione si colloca la rassegna “Il Teatro come Sport”, realizzata con la collaborazione del Comune di Recco e di Fuori Luogo Teatro (La Spezia), pensata proprio per allargare la platea di riferimento, in sintonia con le forze più vive della regione: una scelta popolare ma collocata in un orizzonte artistico di livello nazionale e internazionale. Nel programma, Fuori gioco di Lisa Nur Sultan, progetto di Emiliano Masala (30/03/19), Va dove ti porta il piede di Laura Kibel (24-25/04/19), Le nègre volant di Denis Chabroullet, dedicato a Major Taylor, pioniere del ciclismo (04-07/04/19), La Partida di Vero Cendoya (27/04/19) e il funky di Music on Cycles con i catalani LaDinamo (05/05/19).

La sfida del Teatro Sociale” – dichiara Maria De Barbieri – “è quella di costituire il cuore comune di un territorio, non di un paese. Diventare un riferimento per l’area metropolitana e soprattutto per il Levante ligure, una popolazione di più di 115.000 abitanti. Persone che il particolarismo lo stanno superando nei fatti, per età e per necessità, per le scuole e i ritrovi che accomunano i giovani. Un teatro come il Sociale, struttura unica tra Genova e la Spezia, può essere d'aiuto per trasformare un gruppo di paesi in una comunità unica, e far crescere tra gli abitanti il senso di un comune sentire.”





La Storia
Chi Siamo
Eventi
Programma
Biglietteria
Calendario


PRESS AREA




© 2018 Teatro Sociale Camogli - 01331050995