Balletto del Teatro dell’Opera di Chelyabinsk

Balletto del Teatro dell’Opera di Chelyabinsk:

DATA: 10/11/2018

LES SYLPHIDES                                                                                                                                         PAQUITA
                                                                                                                                                                         
IV quadro

coreografia di Mikhail Fokine                                                                                               coreografia Marius Petipa
ricostruita da Eleonora Palshina e Yuri Klevtsov                                                                                         

regia Yuri Klevtsov
scene e costumi Dmitry Cherbadzhi


LES SYLPHIDES

LesSylphides è un balletto in un atto privo di una vera e propria trama, che si svolge in un bosco alla luce della luna, dove un giovane poeta cerca l’ispirazione danzando sulle note di Chopin insieme alle Silfidi.
Il balletto si inserisce nella tradizione del balletto romantico in bianco (balletblanc), che privilegia le ambientazioni notturne associate a regni fantastici, accentua il ruolo delle ballerine quali protagoniste principali del balletto con un defilamento del ruolo maschile, introduce le figure eteree degli spiriti in tutù romantico bianco.
Les Sylphides è sicuramente un balletto incentrato sulla celebrazione delle musiche di Chopin, da cui il nome Chopiniana originariamente associato al balletto e tutt’ora in uso per gran parte produzioni. La prima versione del balletto,  con la coreografia da Mikhail Fokine, fu presentata al Mariinsky Theatre nel 1908, tuttavia la versione messa in scena dal Balletto del Teatro dell’Opera di Chelyabinsk, è quella che è stata presentata per la prima volta al Théâtre du Châtelet di Parigi nel 1909 sotto la guida dell’impresario teatrale russo Diaghilev.


PAQUITA (IV quadro)

Paquita, balletto in due atti e tre scene, libretto di Paul Foucher e musica di Édouard Deldevez, debuttò all’Académie Royale de Musique di Parigi il 1 aprile 1846 con le coreografie di Joseph Mazilier. Tutto ciò che riguarda la parte danzata di quello spettacolo d’esordio è andata perduta, ma non le successive versioni che Marius Petipa preparò per San Pietroburgo, destinate a diventare le predilette dalle compagnie di balletto. Petipa sentì la necessità di ampliare le musiche originali e incaricò del lavoro Ludwig Minkus, che diede un contributo di classe e raffinatezza al lavoro artigianale di Deldevez. Nacque così uno dei balletti più spettacolari del repertorio romantico, e anche dei più realistici: la protagonista non è una creatura femminile sovrannaturale, una silfide o una villi, ma una ragazza in carne e ossa, una gitana che si scoprirà essere una nobile rapita da bambina (il che le permetterà, alla fine, di sposare l’ufficiale francese Lucien).




La Storia
Chi Siamo
Eventi
Programma
Biglietteria
Calendario


PRESS AREA




© 2018 Teatro Sociale Camogli - 01331050995