THE BLUE HOUR

THE BLUE HOUR:

DATA: 28/07/2018

Ore 21.00 - Teatro Sociale 

 

Perypezye Urbane

THE BLUE HOUR

Un progetto DanceME App di Giuseppe Esposito Giovanni Sabelli Fioretti

Con Giorgio AzzoneKevin Regonesi, Viola Vicini eElisa Sbaragli

 

Lo spettacolo si articola in due parti: L’Ora Blu di e con Giorgio Azzone e Cambia-menti di e con Elisa Sbaragli. Due coreografie sul rapporto tra uomo e natura, adattate espressamente per il Teatro Sociale, dopo l’elaborazione online attraverso l’uso dell’App DanceME - ora riconosciuta come uno strumento ufficiale per la produzione di danza e supportata da MiBact – che consente, dopo il download gratuito, di condividere con il pubblico e con altri artisti il processo creativo. 

Ne L’Ora blu un trio di danzatori racconteranno le emozioni dell’ora blu, quel momento della giornata in cui la notte svanisce nel giorno. Quel momento in cui la natura vive una situazione di quiete a conclusione di un giorno passato e l’inizio di uno nuovo tutto da scoprire. Così, come nella natura, anche noi esseri umani viviamo quei momenti in cui troviamo il coraggio per ritrovare noi stessi e prendere delle decisioni basandoci sul nostro passato e abbandonandoci all’ignoto del futuro. La scena vede tre corpi uniti tra loro da un equilibrio fittizio che tenderà a rompersi per poi creare uno stato di conflitto e disarmonia, a voler rappresentare il flusso di emozioni contrastanti che il nostro corpo attraversa, e poi sta a noi scegliere quali continuare a vivere e quali abbandonare per il nostro bene. 

Lo spettacolo Cambia-menti ruota intorno al tema del cambiamento e del processo che si attua per il raggiungimento di un nuovo stato diverso dal precedente, trovando in questo percorso sempre più consapevolezza di ciò che sta mutando e si sta trasformando. Questo cambiamento può avvenire da un bisogno personale o per mezzo di eventi esterni che trasformano il corpo e il contesto in cui è posto. La visione di cambiamento analizzata è quella in cui ci si relaziona alla capacità di prendere decisioni tra le opzioni possibili. Per innescare un cambiamento consapevole è utile sviluppare un pensiero critico ed un corpo disponibile ad attuare una nuova scelta, e contrastare la resistenza al cambiamento dovuta ai giudizi, al rischio che si può incontrare, alle emozioni e alle esperienze precedenti.


GIORGIO AZZONE
Inizia gli sudi accademici professionali nel 2006 presso il Centro Studi Coreografici Teatro Carcano diretto da Aldo Masella. Nel 2008 riceve una borsa di studio per London Contemporary Dance School di Londra dove si laurea in Danza Contemporanea nel 2011. Durante i suoi studi a Londra collabora con diversi coreografi tra cui Richard Alston, Wayne Mcgregor, Matthew Bourne e tanti altri. Inoltre ottiene numerosi successi anche in qualità di coreografo, infatti 3 sue coreografie sono state inserite nel repertorio della LC3 Company. Dall’agosto 2011 Giorgio si trasferisce a Ginevra, per danzare con il Ballet Junior de Geneve dove lavora con coreografi di fama internazionale come Jiri Kylian, Alexander Ekman, Hofesh Shecter, Patrick Delcroix, Ken Ossola e tanti altri. Nel 2014 la sua creazione “Angeli Ribelli” viene premiata in occasione del Progetto “Curator for a day” di Banca Intesa San Paolo in collaborazione con Gallerie d’Italia. Dal 2015 Giorgio è Danzatore e Coreografo della JAS Art Ballet diretta da Sabrina Brazzo e Andrea Volpintesta (Primi Ballerini del Teatro alla Scala). A Maggio 2017 è stato presentato in Prima Nazionale presso il Teatro Carcano di Milano “Swan Lake - Il lago dei Cigni”, nuova creazione per la Jas Art Ballet, coreografia di Giorgio Azzone.

 

ELISA SBARAGLI
Danzatrice e coreografa, nel dicembre 2017 conclude il percorso di formazione sotto la direzione artistica di Raffaella Giordano. Nel 2013 si diploma al Biennio di Formazione Professionale per il Danzatore Contemporaneo, presso il CIMD - Centro Internazionale di Movimento e Danza, sotto la direzione artistica di Franca Ferrari. Nel 2015 crea il suo primo solo In Between sul tema della violenza di genere in collaborazione con la coreografa Ana Continente ed il musicista Gustavo Gimenéz Laguardia. Nel 2017 presso il Festival Più che Danza diretto da Franca Ferrari, presenta Attraverso sul tema delle migrazioni: il lavoro è la fase finale del processo di ricerca percorso tramite l’uso dell’app di DanceMe. Ho lavorato per la Compañia Ana Continente in Retrato Revelado, direzione artistica Ana Continente; per la Compagnia D.Arte in Scelta R.evocabile e Progetto Variabil, eentrambi per la direzione artistica Franca Ferrari; per la Compagnia Motus di Siena in Della tua Carne, direzione artistica Simona Cieri; al progetto di ricerca di Laura Pante Aphonos “che non ha voce”; con il Collettivo K in Nuovi colori nell'aria, spettacolo di danza e pittura per adulti e bambini e in Free Hug. Con il supporto e la produzione di Perypezye Urbane, assieme al Collettivo K ha partecipato nel 2014 al progetto europeo Share Culture Creative Mobility a Malta.

€ 22 Settore unico (Under 26 € 15 - Under 14 € 12) - spettacolo in abbonamento (per acquistare clicca qui!)




La Storia
Chi Siamo
Eventi
Programma
Biglietteria
Calendario


PRESS AREA




© 2018 Teatro Sociale Camogli - 01331050995